Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Tienti i sogni: i saggi non ne hanno di così..." di Charles Baudelaire


9
postato da Deb73, il
ho avuto i miei momenti di follia; non sono piu' ragazza da un pezzo;qualke volta mi piacerebbe sognare ancora follefollefollemente. Deb.
8
postato da , il
Cioè vuoi sapere se mi sono dilettato della lussuria a pagamento Vincenzo?
7
postato da Deb73, il
thanks of the suggestion father !!! mi manterro' sulla statale.p.s.non fumo e non bevo ,ma qualke volta dico le parolacce!!! i sogni danno luce ai nostri okki colmi di follia. va meglio questa?
6
postato da Deb73, il
i sogni sono il sole della realta' infatti si fanno nel buio della  folle notte ...:-O
5
postato da , il
Vincenzo non per forza una grande mente deve essere uno stinco di santo. Anche Nietzsche, Leopardi nel privato non erano proprio un bell'esempio per i giovani. La sifilide Nietzsche non credo l'abbia contratta con una bambola gonfiabile. Bisogna scindere le due cose, quello che uno fa nel privato sono affari suoi non deve comprommettere la la bellezza della sua opera. Questo discorso non vale solo per Baudelaire, ma per tutti gli scrittori, poeti, filosofi considerati meno importanti perchè moralmente avevano qualche macchia. Soprattutto noi Italiani abbiamo questo vizio di giudicare la validità di un autore dalla sua vita privata

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti