Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "L'ottimista ingenuo è colui che ancora deve..." di Andrea Matacchiera


14
postato da Meriadoc, il
Caro Nietzche, concorderei con la tua tesi se l'analisi fosse giusta. Rispetto il tuo punto di vista ma ti consiglierei di aprire un vocabolario alla lettera c voce Cinico ed alla lettera i voce ingenuo e leggere le definizioni. poi potrei anche dirti: che cosa ne sappiamo noi di come è andato il mondo in duemila anni? viviamo nel miserabile spazio di una generazione, per il resto abbiamo ottenuto le informazioni dai libri e dai mass media... durante il fascismo si studiava un'altra storia ad esempio. Quindi posso solo dirti che il tuo punto di vista è naturalmente rispettabile ma non mi sembra fondato come dici.
13
postato da , il
Il problema non è tanto di struttura, ma sulle domande che ci si pone. L'ingenuo puo' anche arrivare a cogliere che la vita sia sofferenza, ma poi inizia a chiedersi il perchè di una cosa che non ha spiegazione. Di conseguenza è costretto a compensare questa mancanza con qualcosa di fittizio che ne spieghi la causa o una ragione fittizia.
Il cinico il problema del perchè non se lo pone neanche... non vuole guardare indietro  e vivere da gambaro, ma guardare avanti. Dalla sofferenza capisce che la vita è tale ed insensata, vivendola così com'è... accettandola così com'è, semplicemente vivendola... non patendola, come l'ingenuo.
Questo poi è solo il mio parere in controtendenza rispetto la maggioranza. Ma facendo una piccola analisi di come va il mondo e di come è andato per più di duemila anni, non credo sia poi così strano condividere il mio punto di vista.
12
postato da Meriadoc, il
...e chi lo sa magari l'ingenuo ottimista è un ingenuo solo d'aspetto e non di sostanza. Magari  ha sofferto consapevolmente ma ha il coraggio o la stupidità di rischiare di soffrire ancora perchè sogna che il mondo sia quello che costruiamo ogni giorno e vuole pensare che non fa un errore a fidarsi degli altri e nel contempo considera i cinici semplicemente degli "sfortunelli" castrati che si sono arresi a come va il mondo. Credo in fondo si tratti semplicemente di una scelta: se pensare che le cose andranno bene o male perchè in ogni caso andranno come cavolo vogliono loro indipendentemente dal fatto che sorridiamo o teniamo il broncio... il punto e che quando succede un disastro: è meglio vedere il lato buono o quello cattivo?
11
postato da , il
O forse perchè la vità in sè è sofferenza, e l'ingenuo è troppo illuso per accettarla
10
postato da , il
Purtroppo l'ingenuo deve soffrire perchè il cinico crede di aver capito come funziona il mondo.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti