Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Chi fa politica dovrebbe smettere di occuparsi..." di Antonino Gatto


3
postato da , il
Ognuno è libero di invitare a pranzo chi gli pare: ci mancherebbe altro! Certo, per me sarebbe complicato scegliere tra i 630 deputati, i 315 senatori più tutti coloro che ricoprono ruoli istituzionali! Caspita! Ci sarebbe da spulciare una lista con ben oltre 900 nominativi!
Ora che ci penso potrei invitare anch’io qualcuno a pranzo… E scegliere, ad esempio, una delle 2.737.000 famiglie residenti in Italia che hanno un reddito al di sotto della soglia di povertà relativa. In fondo sono solo 8.078.000 individui poveri, pari al 13,6% dell’intera popolazione. (Fonte: dati Istat relativi al 2008). Oppure no. Potrei cercare tra quel 1.126.000 di famiglie, sempre in Italia, che vivono in condizioni di povertà assoluta. Appena 2.893.000 individui, pari al 4,9% dell’intera popolazione. (Fonte: come sopra). Oppure ancora, per non farmi mancare nulla, potrei invitare a pranzo uno a caso di quel 1.400.000.000 di individui che vivono sulla Terra in condizioni di povertà assoluta (dati della World Bank riferiti al 2008).
Chissà se anche loro, l’indomani, avrebbero nuovi progetti…
Chissà se anche per loro quel giorno, sarebbe un giorno speciale…
Firmato:
Maperfavore!
2
postato da , il
Vedi, io ad esempio ho tre figli, ed una moglie a carico, ed anche se la mia tavola potrebbe sembrare povera agli occhi di un politico, mi farebbe piacere averlo accanto a me per qualche ora.
Sarei anche disposto ad offrirgli il mio posto a capotavola, ma sono certo che quel giorno per quell' uomo, sarà un giorno speciale, e l' indomani avrà molti nuovi progetti per la testa, su cui lavorare seriamente, indipendentemente dal posto che occupa in parlamento!
1
postato da , il
Sul gossip concordo.
Ma invitare un politico a pranzo, ti prego!, no!!!
Per capire credo basterebbe molto meno: per esempio andare a lavorare a 1.200 euro al mese, magari con affitto e bollette da pagare, e, perché no!, anche due figli da mandare a scuola... Per non parlare di chi ha in casa un congiunto malato o addirittura invalido... Per non parlare di chi si accorge una mattina di essere in cassa integrazione... Per non parlare di... tante altre cose maledettamente normali fra persone normali. Talmente normali che, forse, basterebbe semplicemente guardarsi attorno: altro che invito a pranzo!!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti