Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "La mia è una laurea cum loden. Magari se l..." di Lucia Gaianigo


341
postato da , il
Alessandro, ti rivelerò un segreto: come c'è pernacchia e pernacchio (cosa che ho spiegato ad Angela in altro luogo in cui anche tu eri presente, facendo uso alla bisogna di una famosa interpretazione di Eduardo), c'è cultura e cultura: la cultura di cui oggi si ama parlare è solo una propaganda, una merce da banco che ormai si svende a tanto al chilo e che nessuno capisce più cosa sia.
    Non sentirai mai una persona veramente colta parlare di cultura.
    La cultura vera, sì: è meglio cercarsela da soli, con tanta pazienza, umiltà, lavoro e.. olio di gomiti, semmai insieme a pochi compagni di lavoro fidati.
    Ma anche l'acquisirla significa ben poco, se prima dell'arido nozionismo non si educa l'animo (il proprio animo) a nobili ideali e sentimenti. Pensa a quel famoso duca Alfonso Maria di Sant'Agata eccetera di cui parla Eduardo: era sicuramente persona di elevato casato e "cultura"; ma io ti dico che la vera cultura è stata, in quell'episodio, quella di chi lo ha preso a pernacchi.
340
postato da , il
Non lo so, prima si poteva comunque discutere..ma erano più evidenziate le opere da leggere..secondo me... ma poi non lo so, questo è un mio pensiero..di uno che ogni tanto caz*ze*ggia a leggere qualche recensione di un libro, qualche frase o qualche racconto del Catalfamo che ne scrive di buoni (secondo me). Prima era prima, e adesso è adesso Giuseppe (che saggezza Ale!) (Grazie!)

Squadra che vince non si cambia,...però mi sa che loro hanno cambiato e hanno vinto lo stesso....

Ma la vera cultura..BISOGNA CERCARSELA DA SOLI !.

Mi sa che non ho scoperto l'america vero?
339
postato da , il
In effetti, alla luce delle esperienze e coniderazioni di cui sopra, il rich*iamo operato dallo staff a contenuti più attinenti alle finalità culturali del sito non appare pere*grino, anzi: lo colgo come un buon inizio di rinnovata attenzione a questi fenomeni e comportamenti det*er*iori.
338
postato da , il
Ad Attila, in tutta evidenza, non piace la mor*tadella.  : ))
337
postato da , il
Mi è addirittura capitato tempo fa di essere ac*cu*sato di tenere discussioni filosofiche su post altrui, mentre l'autore del post, persona peraltro degnissima, riteneva più opportuno parlare di pane, mo*rtadella ed amenità varie con alcune gentili ospiti.... convegni che io ero andato a tur*ba*re con le mie elu*cub*razioni.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti