Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Capisco perché i dieci comandamenti sono tanti..." di Konrad Adenauer


22
postato da , il
Per Giulio, poi, nella sua seconda e nobilissima identità di "epinephelus ergastularius":
     Il brano che citi, rinvenibile  nei versetti 8-10 del capitolo 5 del Deuteronomio, oltre a rappresentare una simpatica e dotta "interferenza", dimostra in tutta evidenza un altro punto cruciale delle mie teorie (leggasi: conclusioni personali) circa la pratica IMPOSSIBILITA' di ritenere ispirata QUALSIASI scrittura "sacra".
      E questo per un semplicissimo motivo: QUALSIASI SCRITTO, anche il più semplice che esista, necessita di lettura e INTERPRETAZIONE. Nel caso della Bibbia, è poi evidente che le interpretazioni potevano essere, e in realtà sono state PRESSOCHE' INFINITE. A questo punto occorre postulare che ispirata sia non solo la scrittura, ma anche l'interpretazione; ma se deve essere ispirata l'interpretazione, tanto vale togliere la scrittura di mezzo.
      Spero di essere stato chiaro.
      Nel merito, ritengo che il brano citato, insieme a moltissimi altri anche del Nuovo, e non solo dell'antico Testamento (leggi il Levitico, se ne hai la forza !), possa rivestire mero valore storico.
      Littera occidit, spiritus autem vivificat, dice San Paolo. Peccato che poi anche i suoi scritti "sacri" siano stati oggetto di interpretazione, con il bel risultato di un susseguirsi inquietante di scismi, sette, scomuniche, persecuzioni e varie stu*pi*dità.
21
postato da , il
Per il Conte:
Non credo che Rol avesse nulla a che fare con la magia; nè tanto meno che si trattasse di un ipnotizzatore o comunque di persona che potesse indurre nei terzi allucinazioni collettive.
    Lo dico, tra l'altro ma non solo, per un semplice motivo: quantunque possa apparire il contrario, la parte teorica della sua personalità, cioè le sue idee, costituisce un amalgama senza il quale il mero concetto di "potere" non avrebbe senso. E' questo del resto (per inveterata e deprecabile consuetudine di avvilenti teorie al riguardo) l'errore della maggior parte della gente allorché si accosta al concetto di "Dio": il ritenere, cioè, che basti il "potere supremo" a qualificare la divinità (potere supremo cui chiunque abbia un minimo di spinaq dorsale non può che ribellarsi). Viceversa, sia quanto alle divinità che alle misere espressioni della nostra umanità, il "potere" viene in seconda linea rispetto al valore. Ciò non esclude che il valore comporti anche il potere; ma il potere, da solo, non è sicuro indice di valore, come ci dimostra la storia e la vita ad ogni pié sospinto.
     Orbene, ciò che in Roll importa è che i "poteri" del personaggio erano accompagnati e sostenuti da una dottrina rivoluzionaria rispetto alle percezioni ed idee correnti: LA MATERIA E' SPIRITO. E' questa, a mio avviso, la rivoluzione copernicana di cui i "giochetti" non volevano essere altro che una sorta di dimostrazione pratica che ciò POTEVA essere possibile. Una dimostrazione che avrebbe dovuto indurre la gente a considerare l'ipotesi e ricercarne la possibilità, anziché discettare sul fenomeno da baraccone, di per sé privo di ogni significato nel regno delle idee e dei valori, che è l'unico regno che conti.
     Quanto poi al rifiuto di Rol relativo alle sperimentazioni che su di lui avrebbero voluto svolgere i membri del CICAP, è documentale che esso fu motivato dalla circostanza che, lo stesso Rol asseriva, i fenomeni non erano ripetibili in base al suo mero arbitrio; ma io sono fermamente convinto che, ancor prima di questa motivazione, ve ne fosse un'altra ben più seria: Rol non poteva non essersi reso conto della profonda disonestà intellettuale di quel comitato, animato non da sincero spirito di ricerca, ma solo dall'intento di smontare e dissacrare ogni preteso fenomeno paranormale o attribuito a cause straordinarie, e diffamarne gli artefici e sostenitori. Gioco al quale, una volta individuatolo, qualsiasi persona seria e dignitosa non avrebbe potuto che rifiutare di prestarsi.
     Se prosegui nella ricerca relative al fenomeno Rol, vedrai che diversi chirurghi ne desideravano la presenza in sala operatoria nei casi più difficili; e che il fior fiore di uomini di scienza e di cultura, ivi compresi anche famosi prestigiatori, erano convinti della realtà dei fenomeni che avvenivano per suo tramite.
      Ma mi rendo conto che sia estremamente difficile andare contro corrente e continuare a cercare: la cosa più semplice è sempre stata seguire la corrente, e pacificarsi nella sua rassicurante sensazione di "normalità".
20
postato da , il
Giuseppe , avevo già visto quel video. se scrivi il nome di gustavo roll qui sul sito, troverai alcune frasi che avevo inserito io anni fa. Quel video però  non mi ha convinto del tutto. E ricorda, che Gustavo alla prova del 9 che la scienza gli aveva offerto...si era rifiutato. E' una storia abbastanza particolare. Non esiste solo la magia, esistono anche tecniche di persuasione per indurre gli altri a vedere cose che in realtà non sono reali. E questo è scientificamente più attendibile della magia. E se qualcuno ha scoperto qualcosa di nuovo in questo mondo..lo sanno solo il vaticano e lo stato, essendo in possesso di strumenti molto raffinati. (non a caso il binocolo più potente al mondo è di proprietà del Vaticano).  E se mai esiste qualcosa....sarà gia stato influenzato per i loro scopi. In sostanza..per te l'impossibile è sempre più che mai IMPOSSIBILE. 

Fattene una ragione.
19
postato da , il
Scusate l' interferenza  : " non ti farai alcuna scultura  nè immagine qualsiasi di tutto quanto esiste in cielo al di sopra o in terra al di sotto o nelle acque al di sotto della terra. Non ti prostare loro e non adorarli poiché Io, il Signore tuo Dio, sono un Dio geloso che punisce il peccato dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione per coloro che Mi odiano. E che uso bontà fino alla millesima generazione per coloro che Mi amano e che osservano i Miei precetti."
18
postato da , il
Per il Conte: spero ti renda conto che la tua osservazione è insieme la più giusta e la più inquietante. E' infatti proprio sul tentativo di rendere possibile l'impossibile che si gioca tutta la faccenda.

www.youtube.com/watch?v=rQMN1qIAeyo

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti