Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Io di Mariagrazia Spadaro


38
postato da , il
Aspettiamo con ansia ...
37
postato da , il
Armanda, ti confermo che stiamo lavorando alacremente per modificare l'attuale sistema di moderazione. La licenza del software che abbiamo deciso di usare, tuttavia, ancora non ne permette lo sfruttamento intensivo fino all'uscita dal loro periodo di beta. Appena ce lo notificheranno sarà subito sfruttato.

Buona serata,

g.
36
postato da , il
Per lo Staff: Penso di parlare a nome di tutti gli Autori quando dico che a noi interessa solo che le parole siano libere, nessuna lotta contro invisibili Mulini, anzi se è possibile segnaliamo per collaborare e migliorare insieme, ricordate che se ci sono tutti gli invii e anche grazie a noi tutti e grazie anche al nostro materiale, ci fa piacere che comunque mettete al primo posto le nostre richieste, speriamo che risolverete questi intoppi.  Buon lavoro da Armanda66
35
postato da , il
Armanda buongiorno. A prescindere dal sottile scherno di sottofondo, l'opzione l'ha autonomamente attivata scegliendola dalle preferenze dopo la sua introduzione pubblica.
Non aveva mai avuto problemi perché attiviamo un controllo costante sui "falsi positivi", quindi anche a Natale potrà godersi le festività e non i commenti arretrati.

Giosc, nessuno dello staff ha mai detto che la moderazione non funzioni: chi, come Armanda, richiede la "preventiva" ci sta semplicemente dicendo di leggere i commenti prima di renderli visibili sotto le sue opere. Tra le opzioni è esplicitato senza possibilità di errore.

Non è necessario stare in guardia: anche un epiteto tranchant più volte è stato approvato se contestualizzato (anche se contro le linee guida pubbliche). Il nostro sistema non è architettato per arrecare fastidio agli utenti, ma per preservarli dalla mole di spam a tema decisamente poco ortodosso a cui siamo soggetti. Diverse migliaia di opere ogni giorno sono oggetto di questo disturbo e vanno letti e bloccati tutti i commenti non idonei. Il sistema sarà medievale, ma non esistono servizi fuori dalla sperimentazione per la lingua italiana, che non siano espressamente tarati sui blog (ciò che noi non siamo). Parlare di censura è una completa assurdità, perché se viene considerato "falso positivo", il commento viene immediatamente abilitato dall'amministrazione: può passare qualche ora, tuttavia -com'è anche scritto nelle preferenze- il controllo viene effettuato almeno due volte al giorno (anche se vi posso confermare che è maggiore).

Impenitente, nessuna standing ovation, nessun fallimento, solo una semplice riflessione leggendo i vostri commenti. Molti credono di essere oggetto di abuso da parte nostra o di trattamenti fuori da ogni logica di equità: visto dunque che sono gli autori stessi a scegliere come gestire i propri commenti è giusto che la cosa sia segnalata adeguatamente, cosicché la colpa non ricada ove non esiste.
Nessuno "strumento formidabile": i servizi introdotti o rimossi e le loro tempistiche non sono merce di scambio, ma devono unicamente soddisfare l'autore che con noi decide di pubblicare le proprie opere. L'ascolto delle richieste è il centro del nostro servizio (gli utenti più anziani potranno confermare che oltre il 90% delle opzioni a vostra disposizione sono state richieste).

Nel caso specifico, nel commento #29, non sussiste nessuna rimostranza avanzata, perché il servizio era stato espressamente richiesto da Armanda (e a lei era "trasparente", perché l'autore ovviamente non è moderato nelle proprie opere).

Concludo dicendo, per confermare quanto sia malsana l'idea che noi applichiamo una censura, che potremmo eliminare l'elenco di parole bandite, temporizzando la pubblicazione dei commenti a 2, 4 o 6 ore, in dipendenza della quantità giornaliera (raggiungiamo i 9000 invii per giorno). Cosa cambierebbe? La domanda è retorica, perché la risposta è "nulla": l'effetto sarebbe eguale (il filo del discorso non viene perso perché i falsi positivi riabilitati vi vengono segnalati nella pagina di gestione).

Ho il sentore, lasciatemi questa citazione letteraria, che molti vivano nell'ideale del Don Chisciotte. Sempre usando i suoi termini, vi chiedo però di comprendere che non c'è alcun "mulino a vento" da abbattere, "gregge di pecore" da distruggere, né alcuna corsia preferenziale da dimostrare, perché nessuna azione viene compiuta contro i vostri interessi.
Consigliateci i miglioramenti, diteci come vorreste il "vostro" PensieriParole e cercheremo nel tempo di accontentarvi.

Sono a vostra disposizione per ulteriori chiarimenti.

g.
34
postato da , il
Un applauso al "Club Parole Calde!" Marco complimentissimi per il per il percorso azzeccato!!! Armanda vado a vedere anch'io cosa cavolo ho nelle pozioni!!!

ATTENZIONE: l'autore ha richiesto la moderazione preventiva dei commenti alle proprie opere.
Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti