Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Donarsi o dannarsi di Flavia Ricucci


7
postato da , il
Bea, anch'io sono stata c0munista, ora sono solo, vagamente, di sinistra, con una simpatia verso un uomo della destra, di cui non avrei mai detto, anzi se qualche indovino me lo avesso prospettato mi sarei fatta una risata di quelle tremende, con il convulso, per inderderci. Ma i tempi cambiano e al cospetto del nostro piccolo "cesare", questo signore dimostra di avere senso dello stato, onesta' intellettuale e morale, che mi incantano, visto la piega che stanno prendendo le cose politiche in Italia.Se poi manterra' quello che dice e' tutto da vedere.....ma si parlava di divise: oh beh, io le ho sempre detestate tutte, rosse nere e verdi, sono troppo individualista e modaiola.
6
postato da , il
Salvatore, devo documentarmi bene
prima di rispondere.
Il tuo avatar mi disorienta.
5
postato da , il
Bea, ho un’amnesia: ma ti riferisci alle divise nere (invernali) della croce- rossa?
4
postato da , il
scheggia mi voglio confessare.
Tanto tanto tempo fa
quando ero comunista
(ora sono niente,
nientedimeno!)
desideravo la divisa per essere un tutto indistinto.
per capirci: come le vacche nere di Hegel.
Ora sono  diversa
ma abile.
3
postato da , il
Le divise non donano, soprattutto esteticamente: annullano il senso estetico di un indivisuo, tolgono il gusto di differenziarsi dalla massa con un abbigliamento in cui i gusti personali hanno la meglio sui dettami della moda . O della dittatura. Anche la moda puo' essere considerata una dittatura, ma chi ha stile, gusto e charme non ne sara' mai  succube,

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti