Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Nulla è a vita, tranne la morte." di Gaetano Toffali


12
postato da , il
se fa meditare allora ha già raggiunto uno scopo prezioso, abbiamo cosi poche occasioni di entrare in profondità con noi stessi.... :-)
11
postato da klò, il
La frase è curiosa, però Gaetano, ti sei chiesto: "a vita", cioè significa fino alla morte, vero? per cui "a vita" è condizione che preclude alla morte, c'è una fine in "a vita", ok? Però non abbiamo un'idea sulla fine della morte, quanto possa passare, un'eternità, ci auguriamo. Concludo affermando che la frase è sottilmente infida (nel senso buono, ovviamente) poichè ci resta comunque l'"eterno" dubbio del confine tra la vita e la morte..e il perdurare di esse le paragonerei alla terra con l'universo (per terra la vita, di cui ne conosciamo l'essenza e la caducità, e per universo la morte, ossia uno spazio immenso tutto da affrontare...con mille interrogativi...però questa frase fa veramente meditare!
10
postato da , il
forse possiamo dire che l'amore non dura tutta la vita ma della morte che sappiamo? Davanti all'amore non scappiamo...forse affrontiamo la morte in modo errato e la rendiamo ostile?  ...è la sofferenza che le distingue? ma in fondo anche amare fa soffrire...amare e morire sono la stessa cosa? personalmente vedo la morte come una porta, temo molto di più la sofferenza...
9
postato da , il
in effetti mi sbrodolo un poco, ma piace anche a me.
8
postato da , il
mi sa :-(

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti