Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Ti ricordi di una donna che hai amato con..." di Irwin Shaw


14
postato da , il
Bè non so se dire che bello oppure che peccato :-) comunque visto che lo hai comprato, leggilo. Ti sembrerà infantile sotto alcuni aspetti perchè sei un uomo maturo, ma alcune frasi ti resteranno per la vita.
13
postato da , il
Ciao Rea,
io, sbagliando, pensavo che tu avessi scritto "il mondo nei tuoi occhi" e l'ho comprato. In qualche modo è anche un pò tuo anche se ne hai solo postato una frase..
12
postato da , il
E' come dici tu, scheggia.
Oggi Rea è difficile guadagnare scrivendo, a meno che non si riesce a trovare l'argomento giusto, per quel tipo di pubblico (gli adolescenti sono i migliori lettori) e  poi ci vuole tanta pubblicità.
11
postato da , il
Secondo me si affrontano delle scelte nella vita. Fare la scrittrice non è poi molto diverso da tutti quei lavori che costringono le donne a lavorare fuori casa. Come si prende il tempo per andare in ufficio, al ristorante, in caserma ecc.. e allontanarsi dalla cucina, dai figli, dalle lavatrici e dai ferri da stiro, si può prendere anche del tempo per chiudersi in uno studio per scrivere un libro se vuoi che scrivere sia il tuo lavoro... è una mia opinione per carità!
10
postato da , il
Certo Bea, gli uomini scrittori sono in maggioranza, perche' per loro lo scrivere viene considerato un lavoro a tutti gli effetti, e a tempo pieno. Per le donne e'  diverso, sono stata penalizzate, fino a non tanto tempo fa, da fattori culturali e sociali. Una donna porta avanti una famiglia e scrive nei ritagli, come lavoratrici part-time, e penso non sia facile, perche' magari hai uno spunto e devi cambiare un pannolino, dare la pappa, riordinare. Forse qualche cosa sta cambiando adesso, ma non poi tanto.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti