Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Per risanare l'economia occorre far..." di Flavia Ricucci


20
postato da , il
Pino,
c'è sempre di mezzo Dio e i suoi dogmi.
19
postato da , il
Salvatore,
cos'è questa dell'infedele alata e
Il palo di sapone
ma anche le banconote scivolano giù dal palo?

Dai Salvatore
con chi si accoppia l'infedele alata?
18
postato da , il
Vorrei evidenziare che VIVIAMO IN UNA SOCIETA' DOGMATICA.
   Per dogma infatti non va inteso il solo articolo di fede religiosa, ma qualsiasi posizione o principio tenuto per verità incontrastabile.        Esempio evidente fra tanti, per rimanere nel tema della frase, è la c.d. legge del libero mercato e della libera concorrenza, che dopo la caduta dei regimi socialisti (e dello Stato sociale di diritto) rende l'economia capitalistica quasi una sorta di forza incontrastabile della natura.
   Ma - come dicevo - tutta la nostra società tende a divenire dogmatica per via di due fattori: l'appiattimento delle opinioni, generato dalla violenza esercitata dai mass media sulla corretta informazione e sul libero formarsi delle opinioni, e la crescente divaricazione tra la cultura specialistica e la cultura media, cui spesso, anche per via del crearsi di linguaggi gergali sempre più ermetici, viene preclusa la via di una corretta comprensione dei fatti, e dei fenomeni naturali, economici e sociali. Con il conseguente emergere di un nuovo tipo di ignoranza e di analfabetismo, con connesso asservimento al potere di gruppi sempre più ristretti.
    Il continuo manifestarsi di verità "di tendenza", spesso generate ed indotte ad arte da questi gruppi portatori di interessi particolari, altro non è, anch'esso, che una potente fabbrica di dogmatismi.
    In questa situazione, diviene sempre più difficile conseguire una autentica autonomia di giudizio.
    Sembra davvero una morsa senza via d'uscita.
17
postato da , il
Ricambio innanzitutto il saluto all'amico Impenitente (carissimo, il mio saluto non può essere altrettanto caloroso dacché, considerando lo stato in cui versi, non poteva essere altrimenti).

P.S.
Conoscendo il tuo sano umorismo di “siciliano verace”, sono certo apprezzerai la spiritosa battuta.

Ora, per tenere alimentata la fiammella della discussione, io sostengo che l’idealità è l’infedele alata che, a dispetto degli sprovveduti, se ne sta appollaiata sulla punta del palo di sapone e perciò, solo chi conosce il sistema di salirci potrà gareggiare per agguantarla.
16
postato da , il
DAVVERO non so chi sia
ma sono trascorsi più di venti anni da quando l'ho letta e l'ho fatta mia perché nessuno s'è fatto vivo
Secondo me non è più tra noi
Comunque te la faccio copiare.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti