Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Beato il giorno in cui non guarderemo gli..." di Gaetano Toffali


11
postato da , il
Bella!
10
postato da , il
la mamma dei ... è sempre incinta
9
postato da , il
Il cambiamento lo faranno i nostri figli. oggi nella classe di mia figlia si è inserito un nuovo compagno a fine anno e cinese di origine...mia figlia mi ha raccontato che era timidissimo e non parlava nemmeno con una ragazzina cinese come lui, ma poi, mi ha detto, ci ha pensato max (ragazzino di colore simpaticissimo)a farlo "sbogiare" dal ridere a ricreazione. Loro sono perfettamente integrati tranne quando qualche I*dio*ta genitore, ad un compleanno ha invitato tutti tranne due ragazzini di colore...
8
postato da , il
sono d'accordo con te!
Il giorno beato non ci cadrà mai spontaneamente dall'alto, anzi è dal basso dei rapporti umani "uno a uno" che deve iniziare il cambiamento.
7
postato da , il
Se ti può consolare sappi che neppure io so come si fa ad interpretare un voto: infatti non ho mai votato né te né nessun altro.
Quanto alla frase, ti prego di dare per scontato che ne approvo in pieno il senso anche se mi astengo dall'esprimere un voto.
L'unica cosa che mi sento di criticare (ma è critica lieve, non temere...) è quella sorta di rassegnato fatalismo che ombreggia nella parte iniziale: "Beato il giorno in cui..." che alle mie orecchie suona quasi come un delegare al fato (al "giorno" che verrà...) il merito di poter cambiare le cose. L'artefice di un tale (auspicabile!) cambiamento potrà essere solo lo stesso Uomo. E quindi:
Beato l'Uomo che un giorno saprà rivolgersi all'altro Uomo, consapevoli, ognuno dell'altro, della propria nudità senza colore.
Ma ripeto: è solo una sfumatura che non vuole minimamente ridurre il senso, comunque profondo, del tuo pensiero.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti