Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "La vita è una ciliegia, il nocciolo la sua..." di Jacques Prévert


9
postato da , il
Per quanto mi piaccia Prevert, non riesco a trovare un vero senso a questa frase ... Dovrò andare a studiare ... ;)
8
postato da , il
Queste sono le parole dell'ultima strofa di una poesia-canzone di Prévert dal titolo "Chanson du mois de mai" e vanno lette insieme al resto per poterne cogliere il giusto significato...allego di seguito la poesia:

L'âne le roi et moi
Nous serons morts demain
L'âne de faim
Le roi d'ennui
Et moi d'amour

Un doigt de craie
Sur l'ardoise des jours
Trace nos noms
Et le vent dans les peupliers
Nous nomme
Ane Roi Homme

Soleil de Chiffon noir
Déjà nos noms sont effacés
Eau fraîche des Herbages
Sable des Sabliers
Rose du Rosier rouge
Chemin des Écoliers

L'âne le roi et moi
Nous serons morts demain
L'âne de faim
Le roi d'ennui
Et moi d'amour
Au mois de mai

Le vie est une cerise
La mort est un noyau
L'amour un cerisier.
7
postato da , il
Probabile che l'autore intenda la m*rte non come la fine,ma una continuità...così possiamo fare indigestione di ciliege ;)
6
postato da , il
io non capisco perchè  il nociolo significa morte,
quando di quello genera la vita,?
5
postato da yeratel, il
Allora perchè l'autore ha usato il termine m0rte per indicare il futuro?  Frase contorta!!!!

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti