Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a Siamo calamite inverse di Gaetano Toffali


19
postato da , il
Bea, ti capisco benissimo, ma prova a rileggere attentamente
la poesia di Gaetano...
Allora, capito???
Piú che poesia, il tutto è un
"DELIRIO" per giunta scritto e
definito, diciamolo pure,
"non male".

Gaetano, se permetti, vorrei
aggingere a questo delirio, un
breve versetto:


"M'attacco ai calcagni,
profondo alle tue carni,
concreto ai tuoi deliri".

Ti aggiungo anche(****),
perchè ogni capolavoro, che
piaccia o meno, va lodato.
18
postato da , il
Non quella di Prato, spero.
17
postato da , il
Strepitosa MATTONELLA!
16
postato da , il
Filiberto nel passo doppio è troppo bravo e per questo è geloso, da ciò desumo che difficilmente ti può accontentare; perciò non ti resta che la Carlucci. D'altronde è lei che dirige il passo, no? Non conosco affatto il programma, ma udendo le risate di mia moglie quando li vede esibirsi ritengo che tra il venire e l'andare, la mattonella sia sempre la stessa.
15
postato da , il
Sai che ti dico, ora ci provo anch'io a farne una simile.
Aiutami a decifrare la struttura di questa strofa:
"Ma poi andare a te
Ma poi venire a me
è passo invero doppio
Che non ci parte mai"

Lo chiedo a Filiberto o alla Carlucci?

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti