Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Teo Erba

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Teo Erba
Mi fermavo a fantasticare sul mondo che avrei voluto vedere, e sapevo che non era impossibile, perché c'era di sicuro gente che l'avrebbe pensata come me. Lo facevo anche tra la folla, non m'importava cosa pensavano gli altri, ero realizzato se mentre guardavano stupiti il mio volto riuscivano ad intravedere come riuscivo ad essere più felice ad occhi chiusi che ad occhi aperti, ma cosa potevo farci se era così? L'immaginazione superava la realtà, ma potrei aggiungere anche che c'erano galassie intere come distanze.
Composta lunedì 14 gennaio 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Teo Erba
    Ma se un giorno la malinconia degli echi che questa musica lascia nell'aria si trasformeranno una volta per tutte in una lieve melodia destinata a campare fino all'eternità? E se un giorno tutti i Fiori di questo mondo si uniranno in un immenso campo di respiri profondi per tendere mano per mano le proprie braccia al cielo eliminando per sempre l'odio e le distanze? Tu ci sarai?
    Composta lunedì 14 gennaio 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Teo Erba
      Non c'era molto da dire, c'erano solo delle cose da rivalutare, con la forza del pensiero che batteva quelle di qualsiasi altro tipo, il perché? Semplice, non era in conflitto con nessuno. La scienza e la religione ad esempio potrebbero essere definite in conflitto, la pace con la guerra, ma la guerra era troppo faticosa anche per chi l'appoggiava più di ogni altra cosa, non era come pensare alla Pace, quella è stata dalle origini la cosa più rilassante della storia, così ci sentivamo vincitori per una volta.
      Composta lunedì 14 gennaio 2013
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Teo Erba
        Era solo quando mi trovavo solo con me stesso che riuscivo a sentirmi più amico di ogni altra persona su questa terra, è un po triste da dire ma era così. Conoscevo un sacco di persone speciali, alcune lo erano davvero tanto, ecco, quando ero solo riuscivo a contarle; ma quando ero da solo pensavo, soffrivo, mi facevo anche del male a volte, ma era solo con la forza interiore, con l'aiuto di me stesso che riuscivo a risolvere tutto, e così nessuno mi avrebbe mai più tradito e sarei riuscito sempre a perdonarmi.
        Composta lunedì 14 gennaio 2013
        Vota la frase: Commenta