Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi inserite da Sereno notturno

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Sereno notturno
Ad ognuno le proprie scelte, la strada che si disegna e gli incroci che si trova davanti, chiunque può cancellare le impronte lasciate, lasciando che vada per la strada che ha voluto. In entrambi i casi si deve essere liberi di trovare la propria via, quella che rende vivo chi la sceglie.
Composta domenica 18 maggio 2014
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Sereno notturno
    Mi è passata nella mente un'attinenza tra la politica e l'amore, scontato dire che in politica ci si debba mettere amore e in amore molti mediano, la cosa più sconcertante è che in entrambe le figure nel momento del bisogno sono pronti a fare promesse che sanno non manterranno mai. La conoscenza porta al capire. Ecco in politica non puoi decidere solo tu chi può fare al caso tuo, in amore hai l'evidenza ed in base a quello decidi come stare bene.
    Composta sabato 17 maggio 2014
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Sereno notturno
      Cammini sempre un passo accanto all'altro, cercando di schivare la strada impervia, sei così attento alla tua vita che quasi non la vedi scorrere, eppure è li che ti indica di alzare la testa perché hai davanti non solo una strada nuova, ma tanto traffico nella mente. Continui invece a guardare le buche, imbocchi una strada sterrata e quando alzi la testa ti sei già perso all'incrocio, non ascoltando nessuno hai seguito l'istinto di sopravvivenza, ma non hai fatto viverre le emozioni. Ora a cosa ti servono, se non sai a chi offrirle. Alza sempre la testa e se hai paura della strada, fermati e chiedi aiuto, trovi sempre qualcuno che te la indica.
      Composta giovedì 15 maggio 2014
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Sereno notturno
        Non si ha abbastanza territorio su cui volare, neppure troppe illusioni da potersi giocare perché nulla è illusione se lo si crede certo. Era una calda panchina di quel sole di maggio voleva sentirsi il caldo nelle ossa. Proveniva da un lungo inverno che all'apparenza sembrava finito Gli strascichi dell'anima ne aveva congelato i pensieri non le emozioni.
        Composta giovedì 8 maggio 2014
        Vota la frase: Commenta