Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori frasi inserite da Raffaella Frese

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Raffaella Frese
Se solo! Se domani. E se poi! Quante parole buttate al vento. Quanti inutili convenzioni in successione, dettate da ragioni e società. Quanti bla, bla, bla! Quante catene che si mescolano "incatenandosi" nelle conseguenze del non avere agito, concretizzato, impugnato le ragioni dei nostri sogni e desideri. Quante parole senza fatti. Quante lacrime senza sorrisi. Quando poi, basterebbe poco per rompere quel ghiaccio e sciogliere quella neve d'impedimento e di paure. Basterebbe un piccolo cenno fatto di carezze e comprensioni, basterebbe un piccolo passo fatto di concretezza non di chiacchiere, basterebbe poco per alimentare un sorriso e ridare serenità a questi giorni malinconici cupi e tristi.
Composta martedì 17 gennaio 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Raffaella Frese
    L'amore non giudica, apprezza e conforta. Non veste i panni dell'indifferenza, preferisce l'eleganza della semplicità e del rispetto. Sa guardare dritto negli occhi e spalancare e porte del cuore. Non è un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, è il calice che contiene il valore di tutto. E il mi manchi come l'aria, non è solo una parola è un dato di fatto.
    Composta mercoledì 18 ottobre 2006
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Raffaella Frese
      La parola impossibile molte volte ferisce la mia sensibilità, urta e colpisce la mia consapevolezza nel profondo, Ferisce la mia volontà di quella forza; di poter riuscire la dove molti rinunciano. "L'impossibile" è solo una percezione del momento, una folata di vento che non deve essere considerata. Noi siamo un vortice, sospesi nel nulla, dove quel nulla può diventare tutto. Siamo la gravità della nostra volontà, possiamo là dove vogliamo (davvero). Per il resto l'impossibile "è", e diviene solo una scusa per non provarci rimuginando sul come e quando, continuando a lamentarsi nel vittimismo delle proprie incapacità di reagire, prendendo la propria vita in mano senza mollare mai.
      Composta giovedì 18 marzo 2010
      Vota la frase: Commenta