Frasi inserite da _il cappellaio matto_

Questo utente ha inserito contributi anche in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: _il cappellaio matto_
Hai mai pensato al significato delle parole? Al dirsi "ti voglio bene", per esempio. È uno tra i pensieri più delicati che possiamo regalare. Perché quando dico - ti voglio bene - lo faccio per informarti che desidero proprio il tuo di bene. Non il mio. Desidero che tu sia felice. Indipendentemente da tutto il resto. Indipendentemente da me. Ogni "ti voglio bene" non va sprecato, gridato, abbreviato. Perché sono fatti per essere sussurrati all'orecchio. Come i segreti dei bambini. Sono come una scatola magica, il baule dei giocattoli o dei vestiti vecchi. Sorprendono sempre. Se inaspettati, sconvolgono. Come gli acquazzoni d'estate. E hanno il gusto dei cioccolatini. Addolciscono la giornata, l'anima, il cuore. Come le zollette di zucchero nel caffè del mattino.
Composta domenica 6 ottobre 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: _il cappellaio matto_
    Adoro gli elefanti. Sono enormi e mastodontici. Portano le orecchie sempre tese, in ascolto. Si fermano a contemplare il tramonto e fanno ombra ai loro cuccioli nelle torride ore della savana. Sono un concentrato di tenerezza, gli elefanti. E poi hanno una memoria straordinaria... non dimenticano. E li amo per questo. Un elefante non mi dimenticherebbe mai. Dovremmo imparare anche noi a non dimenticare. A ricordare. Per sempre.
    Composta domenica 6 ottobre 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: _il cappellaio matto_
      "Non sono arrabbiata perché non sono riuscita a dare il massimo. Sono arrabbiata perché il massimo l'ho dato. E non è stato sufficiente. Sono delusa. Perché il mio" dare il meglio "sembra non bastare mai. Non dare soddisfazioni. E sono stanca. Stanca di non riuscire a raggiungere niente. Stanca di continuare a partecipare senza vincere mai."
      Composta martedì 24 settembre 2013
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: _il cappellaio matto_
        Arrivi ad un punto dove lo senti dentro, di aver bisogno di qualcosa di nuovo. Qualcosa che ti sia necessario per scoprire te stessa. Perché sei maledettamente stanca di fissarti allo specchio e distogliere lo sguardo. Sei stanca di ripeterti che va tutto bene. Sei stanca di fingere sorrisi. Sei stanca di non poter scoppiare in lacrime. Di non poter lavar via lo schifo che ti ritrovi addosso. Non sai più chi sei. Hai bisogno di ritrovarti. Di prenderti per mano. Di non lasciarti andare. Mai più.
        Composta domenica 22 settembre 2013
        Vota la frase: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di