Frasi inserite da Daniele De Patre

Questo utente ha inserito contributi anche in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Daniele De Patre
Avevo spalancato la porta, invitando tanti ad entrare, credendo di aver accolto nel miglior modo possibile. Ho apparecchiato, ho fatto accomodare, ho servito, ho fatto trovare pietanze. Sarà poco, ma più di questo non sono in grado di fare. Adesso mio malgrado, la porta è stata chiusa. Sono rimasti pochi commensali: buon appetito...
Composta lunedì 10 febbraio 2014
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Daniele De Patre
    Spremersi come un limone ed arrivare che non c'è più una goccia di succo. Andare costantemente a duecento all'ora, e improvvisamente essere costretti ad arrestare la marcia. Andare al limite della scarpata e mettere anche un piede dentro. Pensare di avere un carro armato e ritrovarsi con una spada di plastica. Voler fare tutto e subito, pur sapendo che è meglio fare una cosa per volta. Metterci il cuore, l'anima, tutto se stesso, senza considerare che non bisogna esagerare. Errori di valutazione... Il Signore ci assista.
    Composta lunedì 10 febbraio 2014
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Daniele De Patre
      Ho capito che sono tanti ad abbaiare ma pochi sanno mordere. Ho capito che avere un amico è un miraggio. Ho capito che avere qualcuno che ti rispetta è un sogno: ma a volte i sogni si avverano. Ho capito che l'ipocrisia regna sovrana. Ho capito che i farisei del tempo di Gesù, se tornassero adesso, farebbero una "figuraccia". Ho capito che se tendo la mano c'è chi pretende anche l'altra. Ho capito che amare è un vocabolo in "estinzione". Ho capito... forse.
      Composta lunedì 10 febbraio 2014
      Vota la frase: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di