Frasi inserite da Antonio Piazzolla

Questo utente ha inserito contributi anche in Poesie e in Racconti.

Scritta da: Antonio Piazzolla
Questa sera ho guardato le stelle con occhi diversi; le ho guardate per la prima con una nuova consapevolezza. Quante volte le ho guardate in vita mia, ogni volta con un sentimento diverso: tristezza, felicità, speranza, rabbia, gioia. Contrariamente ad altre cose, crescendo continuano ancora ad emozionarmi perché in fin dai conti loro sono sempre state là e mi basta guardarle per ricordarmi tutta la mia vita. E non c'è articolo, scoperta astronomica o teoria scientifica che possa eclissare il loro fascino perché, in fondo, spero sempre che lassù, da qualche parte, ci sia un mondo migliore di questo.
Composta mercoledì 3 maggio 2017
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Antonio Piazzolla
    Altro che San Gennaro, il vero miracolo della Repubblica Italiana si chiama Sanremo. Per una settimana telespettatori e utenti della rete diventano: critici d'arte, compositori, direttori d'orchestra, tecnici sonori, scenografi, registi, costumisti, tuttofattisti.
    Composta venerdì 12 febbraio 2016
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Antonio Piazzolla
      Di quel poco che ho conosciuto di te, io ricordo tutto. Ricordo i sospiri degli occhi neri, il profumo dei capelli ricci e scuri, il calore delle mani affusolate, il solletico del naso quando incontrava il mio. Il sapore del bacio. Ricordo la crudeltà di ogni bugia, l'imbarazzo di una risata, lo sguardo a volte malizioso a volte offeso. I lobi morbidi, la battuta pronta, il seno caldo, la mente fredda. Ricordo quel sorriso, immune alle tue sigarette, dove spero sia rimasto il mio riflesso mentre, guardandoci, sorridevamo.
      Composta venerdì 11 settembre 2015
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Antonio Piazzolla
        La strada è stata la migliore delle insegnanti. Dopo la "scuola" cominciava quella vera, ed eravamo lì a imparare dai più grandi come "arrangiarsi" per tirar su due soldi, oppure a prendere le prime cotte nella triste luce del tramonto spenta tra i palazzi. E ancora a passare la notte a fare ragazzate della peggior specie, per poi correre come dei matti a nascondersi quando l'avevamo fatta grossa. Ognuno di noi è uno stadio dove si gioca la più importante delle partite, quella della vita. E non ci sono bei campi verdi ed illuminati, tifoserie, trofei, televisioni, contratti, modelle e valigette piene di soldi. Non ha importanza quanta gente ci sia o meno sugli spalti a gridare il tuo nome. In palio c'è il rispetto e la dignità, e la vita non aspetta queste boiate.
        Composta lunedì 23 giugno 2014
        Vota la frase: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di