Frasi inserite da Antonella Coletta

Questo utente ha inserito contributi anche in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonella Coletta
Non aver paura di non venir capito, non tutti possono comprendere i tuoi silenzi. Non dare a tutti la possibilità di toccare la tua anima e, se lo fanno, che lo facciano con delicatezza. La stessa con la quale entri tu a piccoli passi nelle loro vite. Circondati di chi sa apprezzarti, di chi trova tra le tasche il coraggio di parlare. Fidati di chi parla poco e dimostra tant. Fidati degli sguardi, degli occhi. Sai, a volte le parole e i sorrisi mentono. Soprattutto fidati sempre di te e del tuo istinto. Di certo non sbaglierai.
Composta martedì 26 marzo 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Antonella Coletta
    Non voglio essere piccolina fra i tuoi pensieri ma voglio essere enorme. Grande come un panettone, come una casa della campagna toscana; come i mammuth dell'era glaciale. Come il senso di fame che prende a mezzogiorno. Grande come il cuore che ho disegnato alla lavagna, grande come la mano del babbo quando ero piccinina. Voglio essere come un bernoccolo nella tua testa che quando ti passi le mani tra i capelli ci pensi.
    Composta martedì 26 marzo 2013
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Antonella Coletta
      Vorrei solo uno spicchio di te. Come un pezzettino di arancia, o dei limoni che usa la mamma. Mi basterebbe anche un pezzettino come una merendina, ma che sia tutto mio e solo mio. Vorrei restar piccina a volte, perché da piccoli lo si dà davvero il cuore, e quei 5 minuti che stai con gli amichetti tuoi li vivi intensamente. Dai loro cuore e anima. E lo spicchio che vuole un bimbo è il doppio del paradiso che chiede un adulto, senza saperne donare la metà. Vorrei solo un po' di te, che sia tutto mio.
      Composta martedì 26 marzo 2013
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Antonella Coletta
        Quando la gente trattiene le parole dentro, alla fine le spara fuori come se le sputasse. Mi hanno sempre insegnato ad esser pudica delle mie di cose, dei segreti altrui, ma le emozioni e le impressioni di esternarle sempre, per dignità e "sapor di verità". Perché se poi dette male le parole arrivano lo stesso e han la forza di mille cavalli, feriscono. Son cattive e deludono. Viva me che quando devo dare la mia opinione non tengo un cecio in bocca.
        Composta venerdì 1 marzo 2013
        Vota la frase: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di