Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Sunshine92
Si arriva ad un punto della nostra vita in cui si capisce che nulla è per sempre. Il dolore, la felicità, le amicizie, gli amori, siamo un continuo cambiamento, una metamorfosi interminabile. Ma è proprio questo che ci fa andare avanti, l'essere consapevoli che la nostra vita è una sfida, un'ardua battaglia per la nostra felicità. Come un'araba fenice l'uomo deve rinascere dalle proprie ceneri, riprendere in pugno la propria esistenza e colmare i buchi lasciati da qualcuno che non è più degno di essere al nostro fianco. Ciò che ci blocca, tuttavia, è ciò che il cambiamento può portare. È la consapevolezza di lasciare il certo per l'incerto, l'ora per il poi, la nostra vita per un'altra vita. Ma a cosa serve ancorarsi a qualcosa che non si sente più proprio? A qualcosa che non ci appartiene e che ci fa vivere in un limbo di dolore? A questo punto non bisogna fare altro che osare! Prendiamo il coraggio di fare un grosso respiro e voltare pagina. È questa la vita per me: rigenerazione.
Composta giovedì 16 agosto 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Sunshine92
    Certi legami, a volte, non possono essere definiti perché quel che manca è un limite che possa descrivere ciò che si è per l'altro e ciò che l'altro è per te. Si può stare anni senza vedersi, senza sentirsi, senza guardarsi negli occhi, ma quando questi occhi si rincontrano ci si rende conto che non esiste il tempo né la distanza perché è sempre fottutamente tutto uguale; io ci definirei dei tossici di dolore perché inibire i sentimenti fa solo morire lentamente. Quello che ci manca è il coraggio, la forza che sale dalle viscere della terra che riesca a farci dire: "ma possibile che non te ne accorgi? Non senti come batte il mio cuore quando sto con te?" Ci illudiamo che sia l'altro a fare il primo passo verso di noi; speriamo che sia l'altro a stringerci per primo la mano, ad annusare il nostro profumo, a passarci la mano tra i capelli. Arrivati a questo punto è come trovarsi sull'orlo del precipizio, ora che cosa bisogna fare? Buttarsi sperando di trovare un morbido approdo o aspettare? Bisogna essere consapevoli che ad attenderci possa esserci anche un pozzo senza fondo che ci potrebbe impedire di penderci nello sguardo dell'altro anche solo per un misero attimo di eterna felicità.
    Composta martedì 7 agosto 2012
    Vota la frase: Commenta