Qual è il miglior governo? Quello che c'insegna a governare noi stessi.
Vota la frase:5.83 in 36 voti

    Commenti


    13
    postato da dillinger, il 25/07/2014 alle 23:57:00
    meglio sovrano all inferno ke skiavo in paradiso
    12
    postato da Toutatis, il 03/07/2014 alle 15:15:30
    Ah! E chi o cosa c'insegna a noi stessi a governare noi stessi?
    Siamo o non siamo il prodotto del nostro tempo, cultura, ambiente, società, contesto storico e sociale, e bla bla?

    E allora, dov'è e cos'è quell'entità che egli chiama "noi stessi"? Chi o cosa è, e da dove nasce quell'io che si autoproclama governatore?
    Non è forse la risultante del condizionamento sociale e culturale del suo tempo?
    E dunque: qual è il miglior governo?
    Rispondo con una massima taoista di Lao Tze chiamata "Il vuoto come cardine":
    Trenta raggi nel mozzo di una ruota, ma è nel vuoto del buco che sta l'uso del carro.
    Plasmare l'argilla per farne un vaso, ma è nel vuoto sta l'uso del vaso.
    Cesellare porte e finestre per farne una casa, ma è nel suo spazio che sta l'uso della casa.
    Quindi ciò che esiste determina il vantaggio, e l'inesistente determina l'uso. »

    E quindi, non è ciò che c'insegnano come principio di governo a determinare il vantaggio ed il buon andamento, ma l'assenza di una forma governativa imperante a determinare il libero svolgersi dell'attività umana secondo le sue proprie caratteristiche e inclinazioni.

    «Questo è il famoso principio del Wu Wei che può essere tradotto con “non-azione”, “assenza di attività”»
    11
    postato da Christopher Inhaynes, il 12/06/2014 alle 14:42:26
    quando in una nave c'è il capitano è lui a decidere le sorti dell'equipaggio e dove mandarli, se il capitano è cattivo può decidere e abbandonare tutti al loro destino e l'equipaggio che non ha conoscenze di navigazione perirà.
    il paese è il popolo e il popolo deve essere sapiente.
    10
    postato da mah, il 12/06/2014 alle 05:16:47
    Madonna santa ma nemmeno leggere sai! Ti sei messa lì solo x mostrare le tette, mah... JOHANN, leggi IOHAN, non John inglese, azz... .-.
    Te lo dice una che ha fatto la maturità in Germania.
    E non si legge nemmeno "Ghete", bensì "Göthe" perchè la oe sta per ö in tedesco moderno.
    9
    postato da sirena, il 05/02/2014 alle 11:12:15
    ma quanto e noiosa, voi non la trovate noiosa

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:5.83 in 36 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti