Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Taurio Luigi soli
Il mostro che avanza, corrompendo, coprendo il suolo di nero, di nebbia il cielo, di sangue l'anima, di veleno gli occhi e le orecchie; avanza facendosi strada nella città di rovo, dove la gente è disordinata, dove le menti sono libere; niente acqua per le loro terre, solo petrolio che ingrassa il cuore. Starne fuori è libertà, non esserne corrotti è forza d'animo, pensare di barattare l'anima per un briciolo di potere è oppressione, rassegnazione ed infine, annientamento.
Composta domenica 27 luglio 2014
Vota la frase: Commenta