Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Susanna Scarlata
Su questa panchina noi, a raccontare dei nostri Eroi.
Le mani giunte come per non lasciarsi andare, i piedi che sfregano sull'erba mentre sono occhi e gesti a parlare.
Parole dipingono la bocca.
Dal niente estrapoli i miei umori e comprendi i miei dispiaceri.
È confortante sai la tua vicinanza che sembra riflettere la mia essenza.
Una cura la tua presenza.
Ci scriviamo sulla pelle affacciate al panorama della nostra mente.
Ci regaliamo battiti lenti e veloci che sanno spiegare tutto ciò che gli altri non riescono a capire.
Come una bambola di pezza - nel gioco della fiducia - mi lascio cadere all'indietro convinta che ci sarà qualcuno a sorreggermi, te.
Che sei diventata improvvisamente la religione del mio presente.
Vota la frase: Commenta