Scritta da: very_cullen
Restammo seduti in silenzio. Sentivo gli altri, in casa. Emmett, Alice e Jasper erano di sopra e parlavano sottovoce, in tono grave. In un'altra stanza, Esme canticchiava fra sé. Rosalie ed Edward respiravano vicini, non riuscivo a distinguere l'uno dall'altra, ma riconobbi il respiro affannoso di Bella.
Sentii anche il battito del suo cuore. Sembrava irregolare.
Nelle ultime ventiquattr'ore pareva che un destino diabolico avesse macchinato per costringermi a fare tutto ciò che avevo giurato che mai e poi mai avrei fatto. Me ne stavo lì a indugiare, aspettando che morisse.
Stephenie Meyer
Composta mercoledì 22 settembre 2010
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di