Scritta da: Maresa Schembri
Ubbidisci al comando della tua coscienza, rispetta sopra tutto la tua dignità, madre: sii forte, resisti lontana, nella vita, lavorando, lottando. Consèrvati da lontano a noi; sapremo valutare il tuo strazio d'oggi: risparmiaci lo spettacolo della tua lenta disfatta qui, di questa agonia che senti inevitabile.
Sibilla Aleramo
dal libro "Una donna" di Sibilla Aleramo
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di