Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Roberta De Santis
Forse per la prima volta guardavo negli occhi quella somiglianza. Sentii di volerle un gran bene. Certo, l'avrei voluta diversa mamma. Appiccicosa e piena di smancerie. Ma m'amava. A modo suo m'amava. Chissà perché cresciamo col terrore, fiato sul collo, di non essere amati mai e mai a sufficienza. Quasi a non meritarlo quell'amore. Perché? Fortemente convinti di esser solo buoni a nulla, sagomati con lo scalpello della cattiveria, fucili pronti a sparar sentenze e menzogne.
Composta martedì 11 giugno 2013
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Roberta De Santis
    L'anima, se ne rimane ingessata come una pannocchia verde, per anni, tra strutture e sovrastrutture di false considerazioni e obbligo di buona creanza. Poi ami. E quel reticolato si disfa. Viene fuori l'essenza. Il prototipo dell'anima che avrai. Rinasce ancora una volta, candida come un giglio al suo sbocciare, cristallina come rugiada accomodata sull'erba. Nell'istante esatto in cui viene alla luce, accade un imprinting. L'essere che ha facilitato quel fiorire, diventa unico. Irripetibile. Mai più accadrà simile armonia.
    Composta martedì 11 giugno 2013
    Vota la frase: Commenta