Questo sito contribuisce alla audience di

Aforismi di Moreno Michielin

Falegname, nato a Castelfranco Veneto (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: pax
Povero corpo mio, la furia del tempo ti ha vissuto, fra le sue onde tu hai navigato, hai guardato sempre avanti facendo finta che tutto fosse in sintonia con il vivere, quanta paura per un acciacco. Ora senti gli anni pesare, ti sforzi e vuoi ritornare quel giovane che eri, questa vita vestita di vecchiaia riscopre ora la sua giovinezza interiore: questo suo spirito che non muore.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: pax
    Gatto come sei nato ti hanno lanciato dal finestrino in corsa di un'auto, una vita ed un destino avevi già tracciato, ti abbiamo curato e con premura allevato, ora a te come tanti tuoi simili manca ancora una cosa: la parola. Credo che nella tua prossima incarnazione tu venga alla luce come essere umano e visto l'esperieza avuta perdonare ed essere libera di amare.
    Composta martedì 11 settembre 2012
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: pax
      Sono nato in un tempo d'amore, in quel sole del mattino mi sono lasciato cullare
      quel soffio d'armonia mi stringeva nel suo respiro silenzioso donandomi gocce di sapere per dissetarmi in questa grande vibrazione che mi rigenera, ascoltando nel profondo del cuore l'invisibile potere della mente che nel bene o nel male sa di esistere
      nella trasparenza delle esperienze.
      Ho teso le mani nel dipinto cosmo delle sensazioni accarezzando la serenità che brilla come stella del mattino in questa dimensione terrrena che vivo per essere libero di trasformare nei colori dell'anima il mio Sé divino nello scrigno dell'essere per continuare ad Amare.
      Composta sabato 8 settembre 2012
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: pax
        La mente viaggia
        una parola ed il pensiero immagina
        una volontà grande un modo di essere, vivere!
        Vedo la felicità mascherata di armonia che mi deride. Chiedo alla vita un raggio della sua pace
        che rischiari i vuoti del vivere,
        quella incomprensione
        quella solitudine non sono cosa mia,
        vedo i colori del mio sorriso: sono vivo. Al di là della mia tristezza.
        Composta giovedì 6 settembre 2012
        Vota la frase: Commenta