La mia è quel tipo di insicurezza di chi è stato ferito, una volta, due e anche tre dalla stessa persona. Quell'insicurezza che fa uscir fuori soltanto il peggio di te. Quella che non riesce a farti dire un complimento al ragazzo che ti piace, quell'insicurezza che ti porta sempre a dire "no vabbè, poi magari posso disturbare" e a quel punto non chiami, non scrivi a nessuno. Quasi come se io stessi sempre un gradino sotto rispetto a tutti gli altri. Quella che ad ogni complimento ricevuto dici "ma chi, io? No guarda stai sbagliando", come se io non meritassi mai niente. Sono soltanto un accumulo di tante piccole insicurezze da formare un groviglio di acidità. Ma quando si è così, come me, come si fa a piacersi? Come si fa ad apprezzarsi, a dirsi "io valgo"?
Mary Auriemma
Composta venerdì 29 marzo 2013
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di