Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Mário Quintana

Questo autore lo trovi anche in Poesie.

Scritta da: Desafinado64
No princípio do fim

Hà ruídos que não se ouvem mais:
- o grito desgarrado de uma locomotiva na madrugada
- os apitos dos guardas noturnos quadriculando como um mapa a
cidade adormecida
- os barbeiros que faziam cantar no ar suas tesouras - a matraca do
vendedor de cartuchos
- a gaitinha do afiador de facas
todos esses ruídos que apenas rompiam o silêncio.
E hoje o que mais se precisa è de silêncios que interrompam o ruído.
Mas que se hà de fazer?
Hà muitos - a grande maioria - que jà nasceram no barulho. E nem sabem, nem notam, por que suas mentes são tão atordoadas, seus pensamentos tão confusos. Tanto que, na sua bebedeira auricular, sò conseguem entender as frases repetitivas da música pop. E, se esta nossa "civilização" não arrebentar, acabamos um dia perdendo a fala - para que falar? Para que pensar? -, ficaremos apenas no batuque: "Tan! Tan! Tan! Tan! Tan!"

Al principio della fine

Ci sono rumori che non si sentono più:
- il grido solitario di una locomotiva nell'alba;
- i fischietti delle guardie notturne che squadrano come una mappa la città addormentata;
- i barbieri che facevano cantare per l'aria le loro forbici;
- il tric-trac del venditore di castagne;
- lo zufoletto dell'affilatore di coltelli.
Tutti quei rumori che appena rompevano il silenzio. E oggi quel di cui più c'è bisogno sono silenzi che interrompano il rumore.
Ma che possiamo farci? Molti - la grande maggioranza - sono nati già nel frastuono. E neanche lo sanno, neanche lo notano, tanto le loro menti sono stordite, i loro pensieri confusi. Tanto che, nella loro ubriacatura auricolare, riescono solo a sentire le frasi ripetitive della musica pop. E, se questa nostra "civiltà" non esploderà prima, un giorno finiremo per perdere la favella: perché parlare? Perché pensare? Resteremo soltanto col suono dei tamburi: "Tan! Tan! Tan! Tan! Tan!"
Vota la frase: Commenta