Questa è la mia vita, fissata con morsetti di acciaio al ventre di mia madre e poi proiettata nel nulla come la corda usata dagli indiani per tendere le trappole. Non faccio che tagliare e riannodare la corsa. Mi arrampico e scivolo giù. A mantenere la tensione è la tensione stessa, la spinta fra ciò che sono e ciò che posso diventare. È il tiro alla fune fra il mondo che eredito e quello che invento.
Non faccio che tirare, che aggrapparmi disperatamente alla vita, non importa se la fune comincia a sfilacciarsi. Sono così avviluppata su me stessa, come una felce o un'ammonite, che quando mi dipano anche il reale e l'immaginario si dipanano insieme a me, così come insieme sono saldati: fibre della vita annodate una all'altra nel tempo.
Jeanette Winterson
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di