Scritta da: Andral
È notte e il sonno non mi coglie.
Annaspo nel letto tra coperte di ricordi pesanti e un cuscino che non prende forma, ma solo ombre.
Apro gli occhi al buio invocando un sogno.
La fronte brucia di febbre, il dolore incendia il corpo privandolo di ogni forza, eppure il dolore maggiore è quello dell'anima privata dei battiti del cuore che pulsa per amore.
Ingrid Rivi
Composta domenica 3 gennaio 2010
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di