Le migliori frasi di Giuseppe Garibaldi

Generale, patriota, condottiero e scrittore, nato sabato 4 luglio 1807 a Nizza (Francia), morto venerdì 2 giugno 1882 a Caprera (Italia)

Siccome negli ultimi momenti della creatura umana, il prete, profittando dello stato spossato in cui si trova il moribondo, e della confusione che sovente vi succede, s'inoltra, e mettendo in opera ogni turpe stratagemma, propaga coll'impostura in cui è maestro, che il defunto compì, pentendosi delle sue credenze passate, ai doveri di cattolico: in conseguenza io dichiaro, che trovandomi in piena ragione oggi, non voglio accettare, in nessun tempo, il ministero odioso, disprezzevole e scellerato d'un prete, che considero atroce nemico del genere umano e dell'Italia in particolare. E che solo in stato di pazzia o di ben crassa ignoranza, io credo possa un individuo raccomandarsi ad un discendente di Torquemada.
Giuseppe Garibaldi
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di