Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Giuseppe Catalfamo

Attendo sempre una nuova passione., nato sabato 6 ottobre 1962 a Genova (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Giuseppe Catalfamo
Il razzismo ha una delle sue ragioni fondamentalmente semplice. L'uomo bianco ha sempre avuto il vezzo di stuprare la natura annullando il senso della vita creando la società consumistica. Ha sempre avuto il bisogno di dimostrare il suo potere ergendo costruzioni imponenti che altro non sono che metafore dell'erezione. Potere e virilità, fobie dell'uomo. Non c'è un gioco popolare di squadra che non si debba agitare una mazza o infilare una palla dentro qualcosa. Il "povero" neretto essendo più dotato almeno d'un paio di "citti" del viso pallido ha sempre dato fastidio. Infatti, in uno dei momenti storici più "civili" Malcom X fu condannato dalla "giustizia" a 10 anni di lavori forzati perché amante di una donna scolorita.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Catalfamo
    Chi vive un amico a quattro zampe conosce la gioia che sa donare. Col passare del tempo, forse esagerando, il quadrupede viene umanizzato, diventa uno di famiglia. Bene, al momento che il nostro amico ci dovesse lasciare noi dovremmo chiamare il servizio "Raccolta e Trasporto Rifiuti d'Origine Animale" (decreto ministeriale del 23.03.94) perché il Decreto Legislativo del 14.12.94 nr 508/92 considera il nostro fedele compagno dopo il decesso "Materia ad Alto Rischio per l'Ambiente". Materia di rifiuto è la sensibilità di questi ometti che scrivono leggi e decreti. Confido nell'intelligenza (ancor più occorre sensibilità) dei burocrati, se gli spazzini sono diventati "operatori ecologici" i nostri familiari scodinzolanti potrebbero non esser più rifiuti.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Catalfamo
      Sì, sono morto, sono tornato. Ho imboccato la luce, carezzava le membra nello stretto cunicolo lucente. Ho librato fuori dal tempo nella luce placato dall'ineluttabile destino. Scia di luce ch'è vita bisognosa di vita per vivere. Volevo abbracciarla migrare con lei nella pace. Il fondo non era chiaro un cerchio catramoso ribollente color pece maleodorante. Il mio volto in un gorgo sorride. È molto più chiara la falsità di quel sorriso che la luce divina. Indosso le ali d'angelo appena donatemi, fuggo dal sentiero lucente. Ho bisogno ancora d'un po' di tempo.
      Vota la frase: Commenta