Scritta da: Silvana Stremiz
Ma le regole della prospettiva non sono valide in amore. Puoi andare lontano mille miglia, mesi, anni, ma basterà girarti un attimo, abbassare per un solo secondo le difese e lasciarti vincere dal ricordo, per ritrovarlo li, bello come sempre, con i suoi occhi appiccicati ai tuoi, con la sua mano che cerca di trattenerti, con il suo pizzetto e la sua barba di qualche giorno che ti irrita la pelle, con la sua bocca che viaggia per il tuo corpo, viaggia, si, perché l'amore conosce vari mezzi di trasporto...
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Carmen P.
    Ce ne stiamo in silenzio sotto quel cielo che ci guarda e chissà che pensa di noi.
    Ci sono sere in cui si vede a malapena una stella ma, se t'innamori, ne vedi tantissime, è come quando sei ubriaco e vedi doppio... stasera se ne vedono a grappoli.
    "Carlo, ma le stelle quante sono?"
    Mi prende il dito e lo punta verso il cielo.
    "Una, due, tre, quattro"...
    Quando trovi l'amore puoi fare tutto, puoi anche contare le stelle. E quel cielo non è poi tanto distante e tanto nemico...
    Sono 351.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: LuceTenera.}
      Il brutto dei cuori spezzati è questo: che non ci puoi buttare sopra l'acqua ossigenata e soffiare mentre le bollicine camminano sulla ferita, che puoi solo tenerti i cocci. E non ci stanno operazioni e non ci stanno medicine che li possono rimettere insieme, te lo devi tenere così il tuo cuore, rotto.
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        "... E mi ritrovo ancora qui,
        a parlare al cielo.
        Ha le braccia grandi
        e il sorriso che sa di scintille.
        È vestito di tutto punto,
        è vestito di stelle.
        Fa paura questo gigante
        che mi accarezza la testa,
        che mi guarda vivere e non dice niente.
        E vorrei contarle le sue stelle,
        per conoscerlo meglio,
        per scoprirlo amico.
        Ma le stelle quante sono?
        Vota la frase: Commenta
          E fa un certo effetto vedere quei banchi vuoti, ti fa sentire che hai lasciato il tuo posto a qualcuno che neppure conosci. Qualcuno che leggerà le scritte che tu hai inciso, che si nasconderà in quello stesso angolo del banco dove tu ti nascondevi per sfuggire all'interrogazione, che batterà nervoso il piede a terra con lo stesso ritmo che tu avevi.
          Qualcuno che ruberà un po' di vita tua.
          Fa effetto, ti senti scippato, di passaggio.
          Vota la frase: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di