Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gianluca Menegazzo
Se dovessi pensare di morire domani, non penserò più a quello che è stato ieri
Non penserò più a quello che ho sbagliato
a quanti traguardi ho raggiunto
Voglio soltanto che i miei occhi siano ben aperti, che la mia percezione dei colori sia fantastica
Vorrei sentire una sensazione di benessere in tutto il corpo
vorrei sentire tutti i miei muscoli pronti come elastici tesi
vorrei sorridere anche per l'ultima volta a chi mi ha fatto del bene
ricordare a chi ha fatto di tutto per farmi vivere male che non ha ottenuto niente
vorrei potermi girare prima per l'ultima volta e salutare la mia casa
salutare i miei animali
Ignorare chi non ha capito niente di quello che ho fatto, non si merita neanche l'ultimo sforzo
Vorrei poter controllare le lacrime, il dolore che un anima prova nel lasciare tutto quello che ama
Vorrei vedere ancora quei paesaggi che hanno fatto innamorare chi mi ha voluto bene
In quel momento lo spirito sarà veramente ricco
Quell'attimo di paradiso, del mio paradiso, quello che mi ha fatto vedere la felicità,
con il solo dispiacere che dovrò far piangere chi teneva a me più di se stessi, anche chi non è riuscito a dimostrarlo
Salvo la mia anima al mio Dio sorrido se potessi avere tutto quello che ho scritto sopra,
veramente ho ottenuto tutto.
Felice nell'infinito, perché il dolore è un momento, il resto è una eternità che non finisce mai.
Composta venerdì 12 ottobre 2012
Vota la frase: Commenta