Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Francesca Zangrandi

Studentessa, nato lunedì 11 marzo 1991 a Merano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Francesca Zangrandi
Si arriva a un certo punto dove dolore, rabbia, paura, ansia si mescolano e si fondono diventando un tutt'uno.
Si arriva a un certo punto dove si è impotenti.

Non ti lascio andare!
Non ti lascio andare!

Si arriva a un certo punto dove la vita sembra scivolarti via
In quel momento.

La sento...
la forza!

Non ti lascio andare!
Composta venerdì 22 giugno 2012
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Francesca Zangrandi
    Io vivo di paure ma ho imparato che la cosa più forte della paura è la voglia di vivere.
    Quel vivere che non è solo respirare, ma vivere le proprie emozioni.
    Emozioni che con grande sforzo cercavo di controllare, eppure controllare l'amore, il dolore, ci rende macchine. Volevo essere una macchina per non soffrire più, e meno male che dentro di me o su in cielo qualcuno vuole che io ami e provi emozioni con tutta me stessa.
    Ho paura?
    Si! Ho tanta paura ma la vita cos'è senza l'amore, il dolore o la morte?
    Privarmi della vita, nel senso emozionale, per paura della morte non è già morire un po'?
    I miei attacchi mi hanno fatta sentire viva nuovamente.
    Composta venerdì 1 giugno 2012
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Francesca Zangrandi
      Per anni non ho più parlato a cuore aperto e ho voglia di farlo con te.
      Sono molto debole in questo periodo,
      sto soffrendo molltissimo e non è vero un cazzo che sto bene.
      Sto male per Martina, molto male per mio padre e ora per Vienne
      Non sono forte ora, non sono un cazzo forte!
      Continuo solo a piangere!
      Stavo meglio prima, quando mi vestivo e truccavo pesantemente gli occhi di nero,
      quando nei disegni usavo il sangue e mascheroni allucinanti.
      Stavo meglio prima perché era l'espressione reale di ciò che provavo.
      Ora sto solo mentendo a me stessa credendo di essere forte quando non lo sono... Ho bisogno di essere onesta con me stessa, di piangere con voi, di gridare, deprimermi e essere incazzata ma sinceramente senza maschere.
      Ho cercato di anestetizzare me stessa e meno male che soffro di attacchi di panico.
      Attacchi che non me lo permettono.
      Loro sono la mia parte migliore...
      ironia della sorte...
      loro sono il meglio di me.
      Composta sabato 26 maggio 2012
      Vota la frase: Commenta