Scritta da: Ale 46
Io vorrei... Ne prendo un altro. Non vorrei... me lo scolo tutto di un fiato. Ma se vuoi... Un altro bicchiere ancora. Come può uno scoglio arginare il mare? Non ho mai saputo rispondere a quella domanda. Torno da lei, ci sediamo sul divano. E guardandola trovo risposta. È impossibile. Il mare è infinito. Proprio come i suoi occhi. E il mio scoglio... Beh, il mio scoglio è troppo piccolo.
Federico Moccia
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Ale 46
    Continuiamo a ridere così. A parlare senza più sapere bene di cosa, né perché. Poi decidiamo di attaccare, promettendoci di sentirci domani. È un'inutile promessa. L'avremmo fatto comunque. Quando perdi tempo al telefono, quando i minuti scorrono senza che te ne accorgi, quando le parole non hanno senso, quando pensi che se qualcuno ti ascoltasse penserebbe che sei pazzo, quando nessuno dei due ha voglia di attaccare, quando dopo che lei ha attaccato controlli bene che l'abbia fatto veramente, allora sei fregato. O meglio sei innamorato. Che poi è un po' la stessa cosa.
    Federico Moccia
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Ale 46
      Ho voglia di te.
      Per tutto quello che ho immaginato, sognato, desiderato.
      Ho voglia di te.
      Per quello che so e ancora di più per quello che non so.
      Ho voglia di te.
      Per quel bacio che non ti ho ancora dato.
      Ho voglia di te.
      Per l'amore che non ho mai fatto.
      Ho voglia di te anche se non ti ho mai assaggiato.
      Ho voglia di te, di tutto te. Dei tuoi errori, dei tuoi successi, dei tuoi sbagli. Dei tuoi dolori. Delle tue semplici incertezze, dei pensieri che hai avuto e di quelli che spero hai dimenticato, dei pensieri che ancora non sai.
      Ho voglia di te.
      Ho così voglia di te che nulla mi basta.
      Ho voglia di te e non so neanche perché...
      Uffa. Ho voglia di te.
      Federico Moccia
      Vota la frase: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di