Per scrivere bisogna avere l'anima intrisa un po' di dolore. Non tanto, che poi ti soffoca e non riesci a venirne fuori. Appena appena. Quel tanto da averti spellato un po' l'anima, a vivo, così ogni cosa non scivola, ma si assorbe, goccia a goccia. E a gocce lasci che venga fuori e ogni piccola ferita diventa cicatrice. Diventa amore.
Elisabetta Barbara De Sanctis
Composta domenica 20 aprile 2014
Vota la frase: Commenta
    Un brivido scorre lungo la spina dorsale insinuandosi nel midollo vertebra dopo vertebra annullando ogni mia volontà. Un pensiero strusciante e strisciante si inerpica fra le cosce tremanti che si aprono a mostrarti spudorate il pulsare umido della mia intimità. Stille di desiderio scendono inermi calde e dense urlo silenzioso della voglia la mia di te.
    Elisabetta Barbara De Sanctis
    Composta domenica 23 marzo 2014
    Vota la frase: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di