Questo sito contribuisce alla audience di

Frasi di Domenica Borghese

Paroliere iscritta alla SIAE, nato lunedì 13 ottobre 1980 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Domenica Borghese
Il miracolo della vita non va capito ma vissuto pienamente.
Non basta la preghiera, il Signore ha bisogno di tutti noi per costruire e realizzare.
Gesù ha bisogno di piedi che camminano verso chi ha bisogno, di mani che donano carità, di occhi negli occhi per sentirsi vivi, di labbra che pronunciano con un sorriso parole di speranza e d'Amore, di braccia che abbracciano chi è solo.
Non tutti se ne accorgono perché l'indifferenza e l'ignoranza di chi è troppo preso di sé, non riesce o non vuole vedere che, lontani da tappeti rossi e riflettori, ci sono persone normali che ogni giorno vivono la propria quotidianità nel servire Dio in ciò che Egli ha affidato loro, come la famiglia, gli amici, i malati, i carcerati, i poveri, gli animali.
C'è chi, in silenzio e solitudine, prega per chi ama e vorrebbe facesse parte della propria vita.
E poi ci sono artisti che grazie al proprio dono, diffondono messaggi positivi ed educativi in cui si può scorgere la firma di Dio.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Domenica Borghese
    C'è chi sostiene che l'uomo e la donna discendono dalle scimmie, io, ad oggi credo che gli uomini e le donne sono nati con corpo e anima però, osservando con dolore e tristezza quanti si sono offerti di diventare schiavi del male, mi permetto di dire che adesso si, molti uomini e donne si stanno "animalizzando", anzi, paragonarli agli animali è un'offesa per questi ultimi. Uomini e donne hanno venduto la loro vita a ben altro, "quell'altro" di cui molti negano l'esistenza.
    C'è una lotta antica che solo con la Forza dell'Amore si può combattere e l'Amore vince in eterno.
    Che Dio abbia pietà e ci perdoni.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Domenica Borghese
      Se ci mettiamo davanti a uno specchio, puntando il dito indice prima verso di noi e dopo verso lo specchio, possiamo vedere che per ben due volte verremo indicati. Quindi prima di accusare mettiamoci davanti allo specchio e chiediamoci se siamo con o senza colpa; è una riflessione che ho imparato eseguendo io stessa questa azione.
      Vota la frase: Commenta