Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniele De Patre
Non fuggiamo dalla sofferenza. Quando ci riguarda direttamente, la croce è ormai nostra. Quando interessa gli altri, abbiamo due possibilità: voltarci e andare via, oppure, mettere le braccia sotto di essa, ed alleviare seppur di poco la sofferenza a chi la sta portando. Se possiamo, aiutiamo a trascinare questa croce: è l'unico modo per avvicinarci al Cielo.
Composta venerdì 5 dicembre 2014
Vota la frase: Commenta