Scritta da: Daniele De Patre
Oggi camminavo per strada. Come spesso accade ho incontrato una persona che guardava insistentemente il mio incedere difficoltoso, provocando in me grande fastidio. Stanco di questo ripetersi ero tentato a maltrattarlo. Invece, ho cambiato atteggiamento; ho cominciato a fissarlo e fissarlo, fin quando nell'imbarazzo mi ha detto: perché mi guardi? Ho continuato a fissarlo, dopodiché ho risposto così: tu stai osservando il mio camminare "strano", io invece scruto il tuo pensare "assurdo". Io qualche certezza ce l'ho, tu invece... temo poche speranze.
Daniele De Patre
Composta venerdì 23 marzo 2012
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di