Scritta da: Silvana Stremiz
Ma adesso sono qui e i miei dormono e le cose intorno a me cantano, hanno belle voci, che rieccheggiano tempeste e cieli sereni, hanno visto tanto delle vite di tanti, sanno che cosa significa stare appesi ad una parete, posate sopra una cassapanca, sanno ascoltare e mi guardano e io le guardo e poi spengo il computer e nella luce dell'alba me ne esco di casa, piano piano per non far rumore, e me ne vado in campagna, là dove inizia la collina a riposarmi, mentre il sole sorge. (da "Le farfalle")
Daniela Manzini Kuschnig
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Le cose

    Vorrei scrivere di qualcosa di bello, magari non di particolarmente profondo, ma almeno spiritoso ed insieme aggraziato giusto per far sorridere chi leggerà, ma non mi viene in mente niente di simpatico, nice, si dice così. Mi scorrono davanti agli occhi immagini strane e confuse, ricordi velati dal tempo, storie che qualcuno mi ha raccontato, un'accozzaglia di colori riveste un'accozzaglia di sensazioni: niente di
    gratificante.
    Sarà l'età. O l'ora tarda. È notte e sono sola in casa, perché tutti dormono profondamente e perciò sono come assenti. Non c'é un figlio con cui discutere, o peggio gridare - non se ne parla fra di noi di comunicare ragionevolmente, siamo troppo simili o troppo dissimili, non so-, non c'é marito con cui litigare per le spese di casa e i soldi che non bastano mai e per il figlio che non é venuto su come lui
    voleva o come io speravo, non c'é nessuno, solo ombre s'addensano nel corridoio, là dove sfuma la luce dello studio e l'unico rumore é il fruscio dei tasti del computer sotto le mie dita. (da "Le farfalle")
    Daniela Manzini Kuschnig
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Io rimasi fuori, nel vento della notte e vidi accendersi una luce e vidi un finestrino raso terra illuminarsi e poiché ero curioso, mi chinai fino a toccare la terra umida con le ginocchia e guardai dentro una stanza che pareva nata da una cantina, e che era la casa dove lei viveva, dove teneva le sue cose, il suo passato, il suo oggi e forse, perché no?, il suo domani. (da "Le farfalle")
      Daniela Manzini Kuschnig
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        La piccola Giada piangeva piano piano a lacrime grosse, senza singhiozzi. Io potevo solo piangere con lei: non certo uscir fuori dal nido d'ombra che mi custodiva e difenderla con dita scarnite dal passato, con voce fievole come il pigolio d'un merlo appena nato.
        Ci sarebbe voluto il rombo del tuono che fa tremare i vetri delle finestre, i fulmini ci sarebbero voluti, saette accecanti nel cielo scuro, gonfio di pioggia.
        Ma guardavo e ascoltavo le lacrime di Giada: era pur qualche cosa, questo condividere del cuore, senza sussulti, senza furori, quieta, apatica presa di coscienza che ancora accadeva ciò che da sempre era accaduto, quello che é orrore nella tenebra. (da "Le farfalle")
        Daniela Manzini Kuschnig
        Vota la frase: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di