Scritta da: dangerousstar
Si era aspettata che sua figlia desse un altro schiaffo alla bambina per la sua disobbedienza, invece la poetessa di Qazvin si inginocchiò all'improvviso sul tappeto e la prese in braccio. Poi, mormorandole qualcosa all'orecchio e facendole il solletico finché lei non si mise a ridere, prese a tirare il pollice ostinato fino a estrarglielo dalla bocca. La bambina un po' rideva un po' piangeva, ansiosa di attenzioni, insofferente agli ordini. Era diventata raggiante, ma non appena la mamma si ritirò su, con un sospiro leggero, la bambina mise il broncio e si infilò di nuovo in bocca il pollice tutto raggrinzito. È una buona madre, osservò la donna anziana meditabonda. L'amore, come la preghiera, le viene naturale; si inginocchia accanto ai bambini e si alza come chi è abituato a genuflettersi. Chi avrebbe pensato che una donna tanto intollerante verso la stupidità potesse avere tanta pazienza con l'immaturità, si chiese.
Bahiyyih Nakhjavani
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: dangerousstar
    Più tardi, a scuola, era lei che riusciva dove fratelli e cugini fallivano, a lei il maestro invariabilmente chiedeva di fornire la spiegazione corretta. Non solo leggeva, la leggeva il Libro Sacro. Non si accontentava di dire semplicemente ciò che pensava, ma si misurava con l'opinione generale per plasmarsi, come una stella cadente affrontava le tenebre inespicabili per definirsi. E guai a quelli che contraddicevano la sua lettura dell'universo; guai a chiunque cercasse di discutere la sua interpretazione dell'eternità, perché lei demoliva i loro argomenti senza preoccuparsi della loro umiliazione. Era insopportabile. Quando i suoi cugini protestavano contro la sua spietatezza, lei si meravigliava. Non preferite la verità al vostro orgoglio? Chiedeva spalancando gli occhi.
    Bahiyyih Nakhjavani
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: dangerousstar
      L'unica vera liberà si raggiungeva nella prigionia, pensò intrecciando le ultime ciocche sfibrate. L'unica emancipazione consisteva nel sopravvivere sotto costrizione. Pianse di pietà mentre arrotolava i riccioli senza vita attorno alla testa di sua Madre, la regina, cercando qualche segno del suo rimorso. Sospirò accarezzandole le cosce rinsecchite sperando di trovare segni di rimpianto. Aveva cercato di proteggere la regina dall'umiliazione, ma non aveva potuto proteggerla dalla sua arroganza. Non c'era scampo per quelli che si celavano dietro l'ignoranza di loro stessi. L'unico rifugio consisteva nel non avere bisogno di rifugio, mormorò, adagiandole sul petto le braccia avvizzite; l'unica cosa da cui fuggire era la paura.
      Bahiyyih Nakhjavani
      Vota la frase: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di