Scritta da: Psiche
Il pensiero prende forma di poesia, quando affiora un'emozione che non si riesce a contenere. Un'emozione intensa, immensa quanto l'eterno divenire, che ti assorbe a tal punto che anche i pensieri diventano melodia. E così diventi, per un attimo, "tutt'uno-con-te-stesso", nel momento in cui il tuo pensiero si accorda perfettamente e magicamente al fluire dei tuoi stati d'animo. Trascrivendolo in poesia, ne rendi il mondo testimone. Il lavoro del poeta, è unicamente questo: egli trasforma un linguaggio musicale in un messaggio vocale, che è la ri-evocazione perpetua, quasi tangibile, delle proprie emozioni. Una sinfonia dell'essere - trionfo dell'empatia - che è l'espressione più pura e sincera dei sentimenti per se stessi, la natura e il mondo tutto. È la una nota che risuona, in uno sconfinato universo. È il battito del tuo umano cuore. Capita che d'improvviso ti imbatti, a tu per tu con la vita, nell'innocenza del primo amore. Ed è allora che accade. Prendi la penna, e lasci un segno sulla carta, nel tentativo di afferrare quell'intima vibrazione, evanescente come un soffio. Un soffio che normalmente arriva e se ne va, ma se ti poni in ascolto, in religioso silenzio, senti quanto forte riecheggia dentro di te, come un canto. Un canto che, in definitiva, è la voce della tua anima. Non c'è cosa più ardua, del tentativo di imprimere tutto ciò sulla carta. Eppure, da qualche parte, ne avverti la necessità...
Anonimo
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di