Scritta da: angy94
Immergendomi in questa infinita illusione, infierisco in quella che è la tua più profonda ferita.
Cerco di guadagnare tempo, di non voltarmi mai, perché solo così potrò alludere ad un esito certo.
Ora qui, davanti al deserto mio cuore, fondo le colonie del tormento.
Imperturbabile ora ti schivo per non rendere più incerta l'immagine di noi.
E non sospettare che sia la mia presunzione, ma è solo la tua insensata vanità, che mi lacera e mi esilia dalla tua immensa bellezza.
E tu resti li.
Per timore di umiliarti o forse soltato per confermare l'ostentazione continua della tua immagine.
Ma il punto è, che tu resti li.
E allora il mio cuore non diventa altro che un riarso campo di ricordi dove la tua presenza fluttua e vaga senza una meta...
Anonimo
Composta lunedì 28 dicembre 2009
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di