Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Angela Desiato
Occhi belli e grandi con dentro la speranza di che non sa... Ti affidi a me ed io ti vorrei guidare verso un mondo nuovo dove anch'io vorrei poter restare. Bambina mia, grazie per il tuo incondizionato Amore: Abbandonati a me, con ragionevole affetto, perché anch'io con te sconfiggo le mie brutture e il pugno nell'anima mia si scioglie in carezza, allorquando mi prendi la mano e mi guardi fisso, diritto al mio cuore!
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Angela Desiato
    Accoglie un alito di brezza la mia inquietudine, vicino a te, mare... Guizzano i pensieri, mentre antichi e recenti scheletri fluttuando tra le onde vanno e sempre tornano ad infrangersi sugli scogli del mio cuore! La già rara gocciolina di gioia rapidamente evapora, senza lasciar traccia, se non nella ricerca spasmodica e nostalgica di un'altra e un'altra ancora. Il dolore no! Al contrario, resta! Si fissa, si incrosta sulle mie rocce. In attesa di quella gioiosa goccia resta in pena... la mia pena.
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Angela Desiato
      Tace la vita, urla il silenzio del mio nulla! Rimbomba dalla mia fragilità la voce dei ricordi, foto in bianco e nero che riaffiorano da pozzanghere lontane e mai prosciugate: dal mio cuore impolverito, odo l'ugola mia che piange silenziose note. Tace la vita intorno a me. Nessuno ascolta la mia disperazione e annego nella mia solitudine...
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Angela Desiato
        Randagi pensieri
        Sgombro la mente da cattivi pensieri, ricordi dolorosi che sembrano ancor veri; cani randagi che azzannano il mio Io... e pensare che li tenevo al gunzaglio fino a ieri. Abbaiano alla notte tutto il mio dolore, guaiscono alla luna, mentre di pianto è gonfio il mio cuore. Non può bastare un momento per scaricare tutto il mio tormento!
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Angela Desiato
          L'eterno movimento
          Un'onda bacia la sabbia, l'avvolge, la vorrebbe trattenere a sé, portarsela via, ma non può. Va via trascinato a forza dalle altre onde. Va via malinconicamente. Sembra pianto. È lamento la sua risacca. Ma riesce a tornare. Bacia la spiaggia, ancora, e poi ancora, un'altra volta ancora, e ogni volta porta via con sé un po' della sua sabbia. Incanta questo dolce ed eterno movimento. A volte è un bacio lento, soave ma può diventare tumultuosa l'onda della passione. Ed io spettatore ammaliato mi inchino alla forza di cotanto Amore. Sei tu il mio mare? Ed io sarò per sempre la tua spiaggia?
          Vota la frase: Commenta