Colpiscimi, subito, per asprezza ma in purezza. Ridammi, subito, un immobile "senso del dovere" che sappia con abile presunzione esprimere il senso alle cose. Raccontami una storia, la più dolce e violenta, per riderne insieme, uno accanto all'altra. Inventiamo un mondo lieve e distruttivo, restiamo mano nella mano, "parliamo d'amore" (ed è troppo necessario, in questo caso, l'uso delle virgolette), diciamoci "amore" o, almeno sfatti e stanchi proviamoci... magari ascoltando stilemi barocchi o graffi alla Nick Cave, leggiamo Ariosto e Benjamin, guardiamo Robert De Niro e Jean Gabin. Insomma doniamoci immagini, parole, suoni. Per noi sono cose importanti e non ozioso passatempo. Sai, alle volte, è atroce vivere in silenzio e non parlare con i propri angeli.
Alfonso Amendola
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di