L'occasione per gli ortolani.
20 marzo 2011 a 100 metri dal nostro parlare i soldati sparano, a cento metri dalla nostra saccenza si trova la facoltà dell'ignoranza, la più frequentata, forma le classi future, per un futuro passato e da dimenticare presto e male, ad un passo di lupo da me i traditori preparano certificati di verginità politica e morale per i vecchi da rendere nuovi, per il nuovo potere, davanti a noi un illusionista si spiega, ha la tessera di un partito, qualcuno prova ad applaudire ma si scotta le mani, un'altro giudice è andato in pensione, ha smesso di far male il suo lavoro, non sa che fuori lo aspettano i familiari delle sue vittime, quelli che faranno giustizia, anche se i giornali parleranno di vendetta, gli ortolani sono stati avvertiti per tempo, hanno ammassato verdura marcia e pesante, le parole hanno accerchiato le città, hanno bombardato le coscienze e distrutto la ragione, in un bunker sotterraneo sopravvive ancora l'intelligenza, ma la cattiva coscienza dei tanti è ormai alle porte, sappiamo per certo che l'intelligenza, già molto malata, è pronta al suicidio per non farsi prendere viva. I plotoni di esecuzione sanno che saranno ammazzati, aspettano immobili.
Alexandre Cuissardes
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di