È più facile cercare di far passare l'idea che c'è differenza fra la percezione dei reati ed il loro numero reale, che molti di questi vengono commessi soprattutto perché c'è chi si fa fregare, è ignorante, ingenuo e sbadato, piuttosto che dire che il vero motivo è perché ci sono troppi furbi, troppi delinquenti, troppi impuniti in giro.
Il "c'è chi si fa fregare" chiama in causa il singolo, il "fesso" di turno, quasi lo accusa, lo ridicolizza. E serve a coprire la realtà, cioè che i delinquenti ci sono ed aumentano perché il loro resta un mestiere che conviene. Riconoscere questo coinvolgerebbe le istituzioni e le costringerebbe a dover ammettere il loro fallimento.
Alexandre Cuissardes
Composta lunedì 3 agosto 2015
Vota la frase: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di